Facce e storie da rosato

Richieste tiepide per i rosati a Siena: parla il past president di Vinarius

enoteca-bonfioHo chiesto anche a Francesco Bonfio, Past president dell’Associazione di enoteche Vinarius e titolare dell’Enoteca Piccolomini di Siena un punto di vista sulla richiesta dei rosati oggi in Italia. La risposta rispecchia ovviamente la particolare situazione in cui Bonfio opera.

Rispondo molto volentieri alle tue domande, ma tu tieni sempre però presente che il mio punto di vista riflette una  situazione estremamente particolare quale una città quasi totalmente turistica, ben nota nel mondo per essere al centro di una zona di produzione di grandi e famosi rossi (pochi bianchi e pochissimi rosati).

Come giudichi la situazione dei rosati nei punti vendita Vinarius e nella tua enoteca in particolare? Mediamente quante tipologie trattate?

Molto ridotta perché ridotta è la richiesta. Due i rosati: un Salento (il Cerasa di Calò) e un Lagrein rosè di Niedermayr

La richiesta di rosati da parte dei clienti delle enoteche Vinarius aumenta o è stabile?

Da me è stabile

I rosati di quali zone sono maggiormente richiesti e quali sono i più difficili da proporre?

Nessuna richiesta specifica e tutti molto difficili. Vedi, i turisti vengono in enoteca motivati sui rossi e basta, E’ già arduo fargli capire che abbiamo delle splendide Vernaccia di San Gimignano

Quali elementi ritieni frenino una maggiore richiesta e una maggiore presenza sugli scaffali di rosati e chiaretti?

Con il pubblico italiano si sconta il pregiudizio, con il turista straniero i rossi surclassano bianchi e rosati

Pensi ci sia una sufficiente cultura e conoscenza da parte degli appassionati di vino vostri clienti sulla particolare natura del rosato o li considerano vini minori?

No, manca la cultura. Infatti l’unico pubblico che li chiede è il francese.

Dove io concentrerei gli sforzi è nelle zone di produzione classiche (Garda, Salento, Alto Adige) che abbiano flussi turistici.

 


Attenzione! Non dimenticate di leggere anche:

• Vino al Vino
• Le Mille Bolle Blog

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *