Altri, Bolle rosa

Rosé Extra Brut metodo tradizionale Bruno Giacosa 2013

GiacosaBrut2013 002Dovrete pazientare ancora qualche tempo per l’uscita e la disponibilità sul mercato dei primi esemplari di rosati, chiaretti, cerasuoli espressione della calda annata 2015 (come saranno? Più carnosi e fruttati di quelli targati 2014, più caldi e strutturati?) e per il momento vi dovete “accontentare” di Rosé con le bollicine. Ma se “accontentarsi” significa accettare la proposta di bere vini come questo di cui sto per parlarvi, mi sembra che non sia proprio una soluzione di ripiego, anzi…

Concentrate l’attenzione sulla bottiglia: non è affascinante, elegantissimo, di un finezza fuori misura questo colore? Diverso, perché differente l’annata, dal leggero buccia di cipolla del 2011, questo Rosé Extra Brut annata 2013 che Bruno Giacosa non ha nessun problema a definire in etichetta “spumante” (in retro etichetta leggiamo poi un più canonico “metodo tradizionale”) come se la generica parola “spumante” che indica prodotti di ogni tipo accomunati solo dall’essere dotati di “bollicine”, potesse essere adatto ad un vino così prezioso, ha un timbro cromatico tutto personale.

Una vibrazione unica, una sfumatura che dal rosa antico vira al cipria, con una luminosità, una leggerezza, una trasparenza, che davvero emozionano.

Eppure chi produce questa meraviglia non è uno “spumantista” in servizio permanente effettivo, uno specialista del metodo classico, ma “solo” un grande uomo del vino piemontese, uno dei più grandi, autore di Barolo e Barbaresco da leggenda, da vigneti in Serralunga d’Alba, Barbaresco e Neive, che da anni coltiva la passione di produrre un po’ di vino prodotto con la tecnica della rifermentazione in bottiglia. E lo fa con la stessa perizia di cui dà prova con i grandi rossi albesi.

All’epoca in cui Giacosa decise di cominciare a cimentarsi con le bollicine non esisteva ovviamente la Docg Alta Langa e solo qualche produttore storico del Piemonte otteneva Pinot nero e Chardonnay da vigneti posti in territorio piemontese. Fu quindi naturale per lui pensare ad un territorio come l’Oltrepò Pavese con cui il Piemonte ha naturali e lunghi legami e dove il Pinot nero abbonda per approvvigionarsi di quest’uva e produrre il suo Blanc de Noirs.

Con la sua consueta capacità di sapersi scegliere i terroir ed i vigneti giusti, quelli adatti al suo modo di lavorare, trovò all’epoca il proprio conferitore di Pinot nero, che poi elabora e trasforma in “spumante” nella sua cantina di Neive, provincia di Cuneo, epicentro della zona di produzione del Barbaresco.

Extra Brut la tipologia subito scelta, con risultati subito eccellenti, per carattere, personalità del vino, finezza, per un vino dalle radici oltrepadane e dalla sensibilità… stile Bruno Giacosa. L’unica variazione sul tema avvenne nel 2009, quando decise di dire la sua anche sul tema Rosé con la prima annata, 2007, del suo Extra Brut Rosé, poi riproposto solo in alcune annate particolari.

Oggi, dopo il 2011 tocca al 2013, con sboccatura effettuata nel marzo del 2015, ed il consueto conforto tecnico del fedele enologo consulente Dante Scaglione (nonché del cantiniere Francesco Versio), e la meraviglia si rinnova.

Non solo per il colore del vino, che ho già cercato di descrivere nella sua bellezza, per la finezza e vivacità del perlage, scoppiettante nel bicchiere ampio (mi raccomando niente flûte…) ma per l’intreccio di suggestioni dei profumi, dove fiori e frutta, mandorle e frutti rossi di bosco, agrumi, ananas, si propongono leggeri, impalpabili, eppure precisi, a comporre un insieme dove ogni elemento è perfettamente distinto e si fonde mirabilmente con gli altri.

Armonia, equilibrio, eleganza, anche se questo Rosé ha spalla salda, struttura ben evidente (nasce dal Pinot nero, non da un’uvetta qualsiasi…), anche al gusto, sorprendentemente fresco, croccante, vivace, di gran nerbo acido, ma supportato da un frutto maturo e succoso al punto giusto, con una piacevolezza, un’immediatezza nel proporsi davvero da grande rosé metodo classico.

Come sempre Bruno Giacosa docet…


Attenzione! Non dimenticate di leggere anche:

• Vino al Vino
• Le Mille Bolle Blog

3 pensieri su “Rosé Extra Brut metodo tradizionale Bruno Giacosa 2013

  1. silvana biasutti

    Sembra ormai che il “rosa” dilaghi (in senso buono, per carità) e che – addirittura – in quanto colore sia in piena mutazione.
    Non più il rosa uguale a ‘femminuccia’ (in senso un po’ riduttivo), ma vino / vini con personalità singolari e un passo più brillante che mai.
    I rosati, che ho bevuto anni e anni orsono, di cui mi ricordo venivano da Cirò: ricordo che mi piacevano, ma mi lasciavano riluttante, come se il colore ‘indebolisse’ l’immagine (e l’indubbia bontà) di quei vini …
    Trovo interessante questa iniziativa di creare un blog che non solo aiuta a conoscere le diverse personalità di questi vini (che personalmente ho sempre sottovalutato)e aiuta i consumatori a capirne le diverse anime enologiche, ma – mi pare – comincia a delineare un vero e proprio comparto la cui “poetica” – almeno per me – è tutta da scoprire …

    Risposta
    1. Franco Ziliani Autore articolo

      queste sarebbero le intenzioni: raccontare la specificità e la bellezza di questi vini, che non sono bianchi e non sono rossi, sono vini con una loro personalità e autenticità: rosa

      Risposta

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *