Archivio tag: rosati

Rosati: “basta un poco di zucchero” ed il vino cambia…

Bastapocozucchero

Sbaglierebbe di grosso chi pensasse che nel campo dei rosati, chiaretti, cerasuoli, che è uno spazio già abbastanza ampio e articolato di suo, ci si trovi di fronte ad uniformità stilistiche e di gusto. E sbaglierebbe chi pensasse che nel mondo del vino “in rosa”, non si siano evidenziati orientamenti che hanno trovato corso nel mondo dei vini bianchi e rossi.

Anche tra i rosati il trend, scusate il gioco di parole, fa tendenza o quantomeno induce una parte di produttori a scegliere un’impostazione stilistica invece di un’altra. Continua a leggere

Rosati e Chiaretti: perché tanta chiusura verso il tappo a vite?

whynotIl mondo del vino italiano è da un lato fortemente conservatore e restio al cambiamento quando magari sarebbe giustificato e utile e dall’altro non si fa problemi nell’adottare la strada del rinnovamento quando forse un pizzico di attaccamento alla tradizione sarebbe opportuno.

Pensiamo alla questione dei tappi alternativi al tradizionale tappo di sughero. E’ scientificamente e matematicamente accertato che più alto sarà il numero di produttori che decideranno, per qualsiasi vino, non solo per i vini da invecchiamento, di ricorrere al tappo di sughero, minore sarà la qualità dei tappi di sughero forniti e maggiore la probabilità che i vini presentino lo sgradevolissimo problema di tappo. Continua a leggere

Vinarius: come vanno in enoteca rosati e chiaretti?

Terraneojpeg
Il punto di vista di Andrea Terraneo presidente dell’Associazione

Come vanno rosati e chiaretti in quel canale importante e privilegiato di vendita che sono le enoteche, di fondamentale importanza perché a differenza della grande distribuzione, dove sono solo lo scaffale ed il cartellino del prezzo a “parlare”, in enoteca si può sempre contare sul consiglio dell’enotecario, su un suggerimento frutto di esperienza e conoscenza?

Ho pensato di chiederlo ad Andrea Terraneo, presidente di Vinarius, la più importante associazione delle enoteche italiane, che comprende oltre 100 enoteche in Italia e all’estero e ha un quadro abbastanza chiaro della situazione dal punto di vista delle richiesta dei clienti. Continua a leggere

E se rosati e chiaretti in pizzeria provaste a portarveli da casa?

pizzarosatiL’arrivo del week end coincide per molti con un’uscita serale in pizzeria. Ma così come è normale la ricerca di un locale dove ci si trovi a proprio agio e la pizza sia veramente buona e non si blocchi come una palla sullo stomaco al momento della digestione, altrettanto normale, per noi che amiamo il vino, non è invece trovare il tipo di vino che vorremmo abbinare ad uno dei piatti italiani più popolari al mondo.

Appartenete alla schiera di quelli che “nulla di meglio sulla pizza di un rosato o di un chiaretto”? Continua a leggere

Non siamo figli di un ‘Dio minore’…

DonneinrosaMN..i Rosé raccontati dalle Donne in Rosa, le 15 assaggiatrici di vino Onav mantovane

Su Vino al vino l’avevo presentata questa bella manifestazione dedicata a rosati italiani e francesi organizzata da un gruppo di 15 donne, tutte assaggiatrici di vini, aderenti all’Onav, svoltasi a Mantova, rammaricandomi per non aver potuto partecipare.

Fortunatamente, in occasione della nascita di questo blog, una di loro, Paola Ghisi vice delegato Onav Mn, ha voluto mandarmi alcune riflessioni sul senso di quella degustazione e sulla loro visione del rosé, che Rosé Wine Blog non può che condividere in toto. Continua a leggere

Benvenuti su Rosé Wine Blog

OLYMPUS DIGITAL CAMERABenvenuti su Rosé Wine Blog, un nuovo wine blog (il mio terzo, dopo Vino al vino, creato nel 2006 e Lemillebolleblog lanciato nel novembre 2010) che si pone l’obiettivo di colmare una lacuna nel panorama dei blog italiani di argomento vinicolo.

Chiamateli come volete, rosati, rosé, Chiaretto, Cerasuolo (fermi e con le bollicine), ma questi particolari “vini in rosa”, diversi l’uno dall’altro e dotati di innumerevoli sfumature di colore, mentre stanno riscontrando un crescente consenso da parte del pubblico degli appassionati, che li scelgono per la loro piacevolezza, per la loro facilità di abbinamento a tavola, perché si fanno bere bene e non impegnano, perché non sono eccessivamente costosi, paradossalmente non possono ancora contare su una vetrina Web specializzata che, giorno dopo giorno, ne racconti la particolarità. Continua a leggere